Fuoritraccia

Newsletter

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Home » Recensioni » Visualizza articoli per tag: io capitano
A+ R A-
Visualizza articoli per tag: io capitano

Io Capitano

Giovedì 07 Settembre 2023 16:04
Matteo Garrone nel suo “Io Capitano” affronta il tema caldo e, purtroppo sempre attuale, dell’emigrazione dal territorio Africano verso la ricca e sicura Europa.
 
Nello specifico siamo in Senegal dove vivono Seydou e Moussa, due cugini coetanei e molto legati fra loro che per inseguire i sogni di gloria e successo tipici di tutti gli adolescenti del mondo, si impegnano in qualsiasi lavoro capiti loro pur di mettere da parte un cospicuo gruzzolo di denaro che consenta di comprare il biglietto per il viaggio tanto agognato.
 
A costo di preservare questa possibilità, osteggiata dalle famiglie e scoraggiata da chi in passato ha già intrapreso questo viaggio foriero di pericoli, i due ragazzi custodiscono nel loro animo questo segreto.
 
In questo film non c’è nulla di retorico e Garrone è estremamente abile nell’impostazione generale del racconto che tiene lo spettatore concentrato sulle molteplici azioni, peripezie, sfortune in cui si imbattono i due giovani protagonisti nella loro personale Odissea alla ricerca di una Eldorado.
 
Quando il viaggio ha inizio tutto cambia e la narrazione, incentrata sulla solida amicizia fraterna e impregnata di sogni di riscatto, cede il passo a toni che si fanno via via più cupi, i colori sbiadiscono, i dialoghi diventano sempre più stringati fino a lasciare risuonare nel deserto che si trovano ad attraversare un unico grido di aiuto che riecheggerà a lungo nella coscienza di chi ha avuto la fortuna di salvarsi.
 
“Aidez-moi”, scandito come un mantra, riesce a raggiungere solo l’animo sensibile di chi ancora conserva nel cuore quell’innocenza che è indispensabile per non smarrire la rotta.
 
Il regista non prende mai posizione ma lascia parlare le meravigliose immagini affidate alla sapiente fotografia di Paolo Carnera.
 
Siamo raggiunti da un fortissimo “j’accuse” che scaturisce esclusivamente da quello che viene mostrato nella sua asciutta crudezza.
 
Le torture, i soprusi, i pericoli, le vessazioni, le ruberie, le umiliazioni e l’assenza totale di pietas ci puntano il dito contro e ci ricordano che il mondo intero non riesce da troppo tempo a individuare il bandolo che possa sbrogliare la matassa nella quale si perdono vite preziose di uomini, donne e perfino bambini innocenti.
 
Nel film le immagini hanno una potenza deflagrante e sono il terzo vero protagonista. Sono avvolgenti e non ci consentono di distogliere lo sguardo, nemmeno per un attimo.
 
La scena finale è la chiusa perfetta per un’opera che ha il potere di svegliare le coscienze al pari di una doccia fredda. Garrone ci consegna un ritratto potente di cosa significhi essere spinti dalla disperazione e dalla costante paura di non riuscire a raggiungere la salvezza che si staglia, come un miraggio, placida davanti agli occhi.
 
“Io Capitano” non è un film strappalacrime ma anzi cerca di attenersi il più possibile ai fatti facendo parlare le azioni cercando di lasciarlo scevro da patetismi, retorica, politica e polemica. Solo alla fine anche lo spettatore abbandona attenzione e concentrazione e si lascia investire da un tumulto di emozioni che gli fanno versare, copiose, tutte le lacrime trattenute in precedenza.
 
I titoli di coda che congedano il pubblico sono un altro gioiello e ci riportano alle tappe salienti del viaggio e come tele preziose lo rendono ancora più magico.
 
Il cast di attori brilla per naturalezza e spontaneità. I protagonisti regalano personaggi di forza e coraggio ma con i loro sorrisi guasconi e simpatici trascinano tutti dalla loro parte senza se e senza ma.
 
La vera forza del film è proprio quella di raccontare un dramma, riuscendo a non scalfire la magia di un’esperienza anche formativa. Seydou e Moussa abbandonano per sempre la fanciullezza spensierata per gettarsi a capofitto nel mare in tempesta dell’età adulta, rimanendo puri e, soprattutto, senza farsi duri e mai carnefici con il prossimo.
 
Virna Castiglioni