Fuoritraccia

Newsletter

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Home » Recensioni
A+ R A-
Recensioni
A due anni dal primo capitolo della saga, tornano Sherlock Holmes ed il fido assistente e biografo dr. John Watson nella versione "tradotta" per le nuove generazioni ad opera del talentuoso ma incostante Guy Ritchie che, per l'occasione, sembra aver ritrovato in gran parte l'ispirazione.  Il detective inglese ed il…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 17
“È un tipo di cinema dove tutto passa attraverso le immagini, attraverso l’organizzazione dei segni che un regista trasmette agli spettatori. È un cinema molto emozionante e sensoriale, un lavoro appassionante”, dichiara Michel Hazanavicius. È lui il regista “organizzatore di segni” e The Artist è la sua opera sensoriale. Un…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 14
“Compito dell’artista è trovare un antidoto alla futilità dell’esistenza”. Ernest Hemingway svela la missione ultima alla base di ogni forma d’arte ad un giovane scrittore in crisi, antisociale, insoddisfatto, alla ricerca del suo tempo ideale. È lui il nuovo personaggio uscito dalla penna/cinepresa di Woody Allen, dall’universo del genio della…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 13
A distanza di poche sere ho assistito ai nuovi film di due riferimenti certi della commedia contemporanea, entrambi così romantici ma anche così distanti fra loro per cultura, linguaggio cinematografico e stile. Sto parlando di Woody Allen con il suo “Midnight in Paris” e del finlandese Aki Kaurismaki con “Miracolo…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 33
  Strani anni i settanta! In Italia si lasciavano dietro i rottami del boom economico ed incanalavano al loro inizio i primi germi della strategia della tensione, con le bombe a piazza Fontana ed in piazza dell'Agricoltura e la morte misteriosamente accidentale del Pinelli, che cadde dalla finestra d'un commissariato…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 1
  Nella Napoli del 1973, il piccolo Peppino Sansone (Luigi Catani), nove anni stretti stretti, capelli ricci ricci ed occhiali spessi spessi, vive un'infanzia molto particolare, incerto tra il padre Antonio (Luca Zingaretti), perso dietro un'altra donna, e la madre Rosaria (Valeria Golino), che per rifarsi delle mancanze del marito…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 0
    Provincia di Taranto, in un'estate rovente fra splendidi tramonti soffocati dal mostro metallurgico dell'ILVA, sul fiorire degli anni novanta, quando la fine della Prima Repubblica si alterna a "Non è la Rai", forze politiche di dubbio rinnovamento, come Vito Cicerone (Antonio Gerardi), si insinuano sulle traballanti macerie dei…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 0
Proverò a raccontare se non tutte almeno una parte delle sensazioni e impressioni ricevute ieri sera durante la visione del nuovo film del regista russo che appena un mese fa si è aggiudicato il Leone d’oro a Venezia come miglior film. Ho esordito dicendo “proverò” perché gli argomenti e le…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 3
E’ possibile accettare la morte quando si è giovani e belli? ...e non solo. E’ possibile accettare la vita quando, giovani e belli, si proviene dalla morte, si è rimasti soli e si va incontro di certo a un altro lutto? Sembrerebbe di sì. O almeno a Hollywood qualcuno ci…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 11
  Ieri sera al Nuovo Sacher ho visto questo piccolo, breve, delicatissimo film francese presentato con successo a Berlino e in diversi festival minori. Fortunatamente e inconsapevolmente è stato proiettato dai bravi esercenti morettiani in versione originale e dico fortunatamente perché se il doppiaggio è sempre da evitare lo è…
Pubblicato in Recensioni
Leggi tutto... 1